- In breve...

... si indica con il termine "furry" tutto quanto è relativo agli animali antropomorfi, nell'arte, la fantasia e la mitologia. La definizione è volutamente generica, in quanto è pressochè impossibile riassumere in poche parole tutti i molteplici aspetti di quello che negli USA ha assunto le dimensioni di un vero e proprio movimento culturale underground. Il furry moderno si ricollega ad una lunga tradizione favolistica e simbolica, arricchita dai temi di interesse scientifico/sociale introdotti con la diffusione della fantascienza. Se vi interessa approfondire... continuate a leggere!

 

- Un po' di storia

L'uomo primitivo, fin dall'alba dei tempi ha vissuto nella natura ed ha sempre avuto uno strettissimo rapporto con gli altri animali, che si trattasse di prede, di competitori, o anche di predatori; rapporto poi evolutosi con la domesticazione, dapprima per avere dei "compagni" di caccia, poi per poter fare a meno di cacciare. I sentimenti dell'uomo verso di essi si sono quindi espressi in vari modi - odio, rispetto, adorazione, timore - e le caratteristiche proprie di ogni animale, vere o presunte, sono diventate per l'uomo primitivo qualcosa da temere o rispettare. 
Gli animali diventarono così degli interlocutori, almeno agli occhi di chi dipendeva da essi per la sopravvivenza, facendo nascere l'esigenza di rivolgersi ad essi nella stessa maniera con cui si rivolgeva agli altri uomini. Gli animali diventarono così simili agli umani, con i quali era possibile, mediante riti particolari, mettersi in contatto: per auspicarne la cattura, per esprimerne il rispetto, o, cosa più importante, cercare di carpirne le capacità (forza, astuzia, agilità, ecc.). Abbiamo così la nascita di divinità antropomorfe: l'animale diventa un dio, e la sua rappresentazione diventa quella di un essere parte animale, parte uomo. L'esempio più eclatante lo troviamo nelle divinità egiziane, ma in tutte le mitologie dei popoli primitivi compaiono esseri del genere, non sempre come divinità ma sempre carichi di significati magici e religiosi. 
Nel frattempo le storie di animali si confondono coi miti. Gli animali selvaggi hanno un ruolo centrale nella mitologia russa, scandinava, araba. Nell'antica Grecia abbiamo le favole di Esopo, la più famosa raccolta di storie di animali dell'antichità, nonchè una vasta serie di leggende, spesso ricordo di culti ancestrali, sulle origini di certe specie. Molto ridimensionato nella letteratura Romana, l'interesse per il mondo animale in quanto portatore di simboli e messaggi divini si riafferma in Europa nel medioevo, ma sarà solo con il  Roman de Renard che gli animali torneranno protagonisti assoluti di una storia. Inizia così una tradizione che attraverso le favole di La Fontaine, l'arte di Beatrix Potter, i romanzi di Kenneth Grahame e la caratterizzazione del fantasy come genere definito arrivare fino ai cartoni animati della Warner Bros e della Disney. 
Ma con il tempo la funzione dell'animale antropomorfo muta: da simbologia di una forza naturale con cui si doveva necessariamente avere a che fare, esso diventa la rappresentazione di vizi e virtù umane, di sfaccettature della personalità umana, con fini spesso moralistici, caso quest'ultimo che rimane uno dei più tipici di "antropomorfizzazione": l'uso degli animali per far parlare in sostanza gli uomini. 
In tempi più recenti emerge una nuova connotazione: quella di esprimere l'istintività, "l'animalità" presente in noi umani. Gli animali antropomorfi moderni diventano quindi anche sensuali, caldi, immediati, e riescono ad esprimere ottimamente questa sensazione opposta ai comportamenti umani spesso artefatti dalla società.

 

- Il furry fandom

Il termine "furry" in inglese significa "peloso" ed esprime in una parola sia l'aspetto degli animali antropomorfi (anche se non tutti hanno il pelo) che questa sensazione di "animalità" di cui ho già detto. Questo termine è stato applicato agli animali antropomorfi con diverso grado di antropomorfizzazione e/o realismo: si va così da personaggi che vivono e si comportano come gli animali reali, con la sola differenza che parlano e ragionano come gli esseri umani (Bambi, il Re Leone, tanto per citare dei noti esempi), a vere "società animali" (come in Omaha, o il ben noto Maus), quasi sempre multispecifiche (esattamente come la nostra oramai è diventata multietnica), dove l'uomo spesso non esiste, e in cui i personaggi hanno assunto forma quasi umana, in una società appunto che quasi sempre rispecchia la nostra (anche se in ambientazione fantasy, fantascientifica o convenzionale…). 
Tutto ciò è fonte di ispirazione per arte (disegni ed illustrazioni), fumetti, storie e giochi di ruolo (online o tradizionali), attirando una vasta, ancorché dispersa comunità di fans. Il fandom furry, sebbene diffuso in tutto il mondo, è maggiormente rappresentato in Nord America (Stati Uniti e Canada), in Giappone (dove l'equivalente di furry è "Kemono") ed in Europa soprattutto nei paesi di matrice germanica (Gran Bretagna, Germania, Svezia). Per una comunità così dispersa, Internet ha fatto da mezzo di contatto e coesione, soprattutto da parte di chi, pur non conoscendo prima l'esistenza di un tale fandom, ha scoperto di esserne attratto. La nascita "ufficiale" del furry fandom viene spesso fatta risalire al 1973, anno di uscita di Robin Hood della Disney, primo film di alto livello interpretato da furries. 
Un'altra particolarità è che il furry fandom è supportato per lo più da una folta schiera di artisti e autori non professionisti, che costituiscono il vero asse portante. Come altro significato, "furry" è anche di chi, oltre a godere di arte e storie furry, si sente egli stesso un furry, ovvero sente una certa affinità, sotto molteplici punti di vista, verso uno o più animali, assumendone l'identità o quanto meno le caratteristiche principali. Ciò accade quasi per tutti i fans, di avere un alter-ego da usare in giochi di ruolo, in chat, come personaggio di disegni o racconti. 
Si arriva ben oltre nel caso dei cosidetti "lifestylers": essi sentono questa affinità in maniera più intima: non solo si identificano nel loro animale preferito ("fenotipo"), ma cercano di assumerne le caratteristiche principali, trattandolo alla stregua di una guida, e assumendolo come proprio "totem", secondo un percorso simile a quello degli sciamani delle popolazioni primitive e che ci ricollega intimamente alle origini del nostro rapporto con gli animali. A volte però questi casi possono sfociare in equivoci, anche pericolosi, di perdita del contatto con la realtà. Semplici fans o lifestylers, i furries sono generalmente molto sociali, e tendono ad interagire tra di loro sia online che nella vita reale. Su Internet, oltre alle chat, molto frequentati sono i cosidetti MUCK (Multi User Chat Kingdom), ambienti virtuali con "stanze", "vie", ecc., dove ogni giocatore assume un personaggio (avatar) ed interagisce con gli altri. Nella vita reale, le occasioni di incontro sono le convention, la più famosa delle quali è la ConFurence, che si tiene ogni anno in California. Altre convention sono la Anthrocon, la Mephit Furmeet, la Further Confusion ed altre. In Europa c'è la Eurofurence, che si tiene in Germania d'estate.

 

- Specie rappresentate: il "who's who" dei furries

Se dovessimo scegliere un animale che più di altri simbolizza il mondo furry, questo è la volpe. Esso è l'animale scelto da una buona parte dei furries, di gran lunga il più amato e rappresentato. Il motivo per cui questo animale viene adottato da così tanta gente è controverso. Secondo alcuni la volpe sarebbe da un punto di vista concettuale una sorta di via di mezzo tra i canidi e i felidi, riunendo in se i pregi degli uni e degli altri. Ma il vero motivo è oscuro: in parte c'entra la simbologia della volpe come animale che incarna la sessualità femminile attiva e disinvolta, ma basti ricordare che la ritroviamo anche come protagonista nel corpus medioevale di racconti del Roman de Renard, che ebbe a suo tempo in Francia tanto successo da far sì che per indicare l'animale si usasse da allora in avanti, in francese, il nome del protagonista, Renard appunto. In genere le specie preferite sono mammiferi carnivori (lupi, moffette, felidi, mustelidi in genere, ecc.), roditori e simili (scoiattoli, conigli, topi, ecc.) ed erbivori (cavalli, cervidi, ungulati vari). In ogni caso il percorso che porta a scegliere un animale piuttosto che un altro dipende da numerosi fattori come un fattore affettivo/estetico, un livello comportamentale (stereotipico), o un livello empatico/totemistico (prescelto principalmente dai "lifestylers"). 
Una categoria particolare, tra le creature furry, è quella dai "tauri", ossia creature similari ai centauri della mitologia greca, ma per così dire "furryzzati": si tratta di esseri che hanno la parte inferiore del corpo a quattro zampe, simile a quella della loro versione "naturale", da cui si distacca, laddove nell'animale vero si trova il collo, un busto antropomorfo munito di braccia e una testa "animale". Anche in questo caso molto diffusi sono i "volpetauri", ma pure molto popolari sono i "felitauri", come gli ermafroditi chakat creati da Bernard Doove. Oltre a questi, non vi sono specie che non abbiano i loro "tauri": abbiamo così "lupotauri", "moffettauri", "lontratauri", "equitauri" (in pratica centauri dalla testa equina), ecc.

 

 

 

Fonte: "Cosa è il furry"

A cura di: Hellenic

Modificato da: Mark FoxScale

Condividi